Lo scorso 16 novembre dal Ministero della Salute che ha annunciato la firma da parte del Ministro Lorenzin di un “decreto interministeriale per garantire la retribuzione e la contribuzione figurativa anche a quei donatori di sangue e di emocomponenti ai quali il medico del servizio trasfusionale abbia certificato la non idoneità alla donazione”.

Vogliamo sottolinare che, nel caso di non idoneità , la retribuzione e la contribuzione figurativa è limitata al tempo necessario all'accertamento dell’idoneità e alle relative procedure e non all'intera giornata, come indicato dall’articolo 8 della Legge 219”.